Alvax, esploratrice sonora!

13 gennaio 2018 di Bleep

Valeria Di Sabato sfoga le sue passioni musicali e le sue attitudini passate e attuali in Alvax, il suo progetto chiptune solista che da poco ha modellato un album, Rusty Pixel, in cui sono raccolte tutte le sue composizioni del 2015/2016.

Valeria è un concentrato di esperienze e di storie da raccontare ma oggi mi limiterò a farvi leggere un riassunto di quello che ci siamo detti!

CIAO VALERIA, RACCONTAMI CHI SEI, COSA FAI NELLA VITA E COSA È ALVAX!

Ciao! Nasco come esploratrice di suoni dal cuore siculo ma trapiantata a Milano dove ho studiato sound design allo IED di Milano e conseguito un master in Sound Art (Ardent Institute); sempre a Milano ho conosciuto il mondo della chiptune, entusiasta di poter dare una seconda vita al mio Game Boy, ho dedicato anche la seconda tesi allo IED con il video tutorial “In Chip We Trust” che trovi su YouTube. Fondamentalmente non so come definirmi, mi sono occupata di presa diretta, sonorizzazione di app, ho realizzato un’installazione con idrofono e sintesi granulare e videomapping allo spazio (T)Raum a Milano, uno spazio per la sound art. Insomma… Alvax è un po’ un mix di cose, la chiptune è una di queste sfaccettature. Adesso sto pensando a come integrare il Game Boy con il resto delle cose che realizzo per renderlo parte viva della mia espressione sonora. Sto anche aprendo un hotel nel mio paese (San Vito Lo Capo).

QUINDI NON SOLO CHIPTUNE MA SINTETIZZATORI ED ALTRE DIAVOLERIE CHE CI PIACCIONO! A MILANO LA SCENA MICROMUSICALE E GLI EVENTI SONO FIORENTI MA COME SEI ENTRATA IN CONTATTO CON QUESTO FANTASTICO MONDO? DA QUANTO SEI ATTIVA?

Esatto! Inoltre questo Agosto ho avuto la possibilità di avere libero accesso all’EMS studio di Stoccolma dove ho potuto spippolare con modulari come il Serge e il Buchla! Tornando alla chiptune l’ho scoperta intorno al 2013 grazie a una docente dello IED che parlò di queste diavolerie, del DIY, Game Boy, Atari e di come in effetti la musica si possa generare da qualsiasi cosa, allora grazie a Facebook e alla mia curiosità sono venuta a contatto con il gruppo Micromusic Italy, veramente uno spazio pieno di bella gente. Quello che mi ha subito fatto sentire a mio agio è stata la gentilezza e la disponibilità e la voglia di scambiarsi le idee, i consigli e tutto quello che concerne il mondo a 8 bit, cosa che invece non sempre avviene nel mondo della musica elettronica più commerciale, diciamo. Poi anche io come tante altre persone del gruppo ho seguito il preziosissimo corso di Kenobit e ho preso un po’ di coraggio. Avevo già iniziato a produrre qualcosina un anno prima ma era rimasto nel cassetto. Ho anche suonato al Leoncavallo con 0r4 e naturalmente ho partecipato al saggio finale di LSDJ dove ho conosciuto gli altri simpaticissimi chipfriends.

SEI CONCITTADINA DI KENOBIT, AROTTENBIT, 0R4 (il maestro indiscusso delle mod per Game Boy) E ALTRI MOSTRI SACRI DELLA CHIPTUNE, E NELLA TUA CITTÀ OGNI ANNO SI TIENE IL MCU (MILANO CHIPTUNE UNDERGROUND) ORGANIZZATO APPUNTO DA KENOBIT E AROTTENBIT! NON SO SE HAI MAI PARTECIPATO, MA IN GENERALE IL NORD ITALIA COME RISPONDE A QUESTO TIPO DI MUSICA E ALL’ELETTRONICA SPERIMENTALE?

Si, ho partecipato a un paio di loro eventi, quello che ricordo meglio è stato al Macao e suonava anche HarleyLikesMusic! Devo dire che non mi aspettavo un riscontro del genere in termini di persone. Diciamo che il nord Italia è molto aperto a questo tipo di influenza. Inoltre 0r4 mi ha anche moddato un Game Boy.

SI CREDO CHE DANIELE ABBIA MODDATO QUASI TUTTI I GAME BOY DEI MICROMUSICISTI ITALIANI! PARLAMI UN PO DI RUSTY PIXEL: HAI LAVORATO SPECIFICATAMENTE PER L’USCITA DI QUESTO ALBUM O È UNA RACCOLTA DI QUELLO CHE HAI PRODOTTO NEGLI ULTIMI TEMPI?

Rusty Pixel è una raccolta di tracce realizzate tra il 2015 e 2016 che ho voluto far uscire proprio per il lancio dell’etichetta Heel Records, fondata da Gianluca Lonigro, che ha voluto realizzare delle cassette e mi sembrava opportuno far uscire i miei pezzi chiptune rimanendo nell’ambito Lo-Fi. Sono tracce grezze e mi ricordano il mio passato da raver, che adesso non mi sono più ma che non rinnego, diciamo che queste tracce sono un tuffo all’indietro. Quello che voglio fare per le prossime tracce, come ti dicevo prima, è integrare la chiptune con il resto dei miei lavori.

CON L’USCITA DI QUESTO ALBUM AVREMO OCCASIONE DI VEDERTI IN GIRO A SUONARE?

Mi piacerebbe trovare il tempo, mi piacerebbe suonare tracce nuove onestamente, e spero che con il nuovo anno ci siano le occasioni giuste, sento che devo ancora maturare con la chiptune.

MOLTO SPESSO LE PERSONE MI HANNO CHIESTO: ESISTE UN’UNIVERSITÀ, UNA SCUOLA, UN CORSO CHE APPROFONDISCE LO STUDIO DEL SUONO E SPECIFICATAMENTE LO STUDIO DELLA MUSICA ELETTRONICA? PRIMA HAI NOMINATO IED E MASTER IN SOUND ART! COSA SENTIRESTI DI CONSIGLIARE A PERSONE AFFAMATE DI TEORIA SONORA?

In teoria la maggior parte delle cose le ho sperimentate da autodidatta, ma in corsi del genere sei comunque accompagnato, e impari più velocemente perché in qualche modo ti indirizzano e vieni anche a contatto con il mondo dei professionisti. Per me è stato fondamentale un anno di master, grazie ai workshop con Bill Fontana ho scoperto gli idrofoni che hanno ispirato una mia installazione con la quale ho partecipato e sono stata selezionata al premio di musica elettronica dell’auditorium San Fedele che ha a disposizione un bellissimo acusmonium, quindi in qualche modo se si hanno le disponibilità economiche ok, ma altrimenti si riesce lo stesso!

PRENDI ISPIRAZIONE DA QUALCHE ARTISTA QUANDO COMPONI CON LSDJ O È TUTTO FRUTTO DELLA TUA MENTE?

In realtà quando compongo non mi ispiro a nessuno nello specifico, ma sicuramente Kenobit, HarleyLikesMusic, Unicorn Kid e Dubmood sono tra i miei favoriti, ma ce ne sono molti altri!

OK, VALERIA, È STATO UN PIACERE CONOSCERTI! FAI UN SALUTO AI LETTORI DI 8-B.IT E SE VUOI LASCIACI QUI SOTTO I TUOI CONTATTI. IN BOCCA AL LUPO PER IL TUO HOTEL!

Piacere tutto mio! Ecco i miei contatti web.

Sito: www.valeriadisabato.com

Soundcloud: soundcloud.com/vax

Bandcamp: https://alvax.bandcamp.com/releases

Un caloroso abbraccio a tutti i microamici.

Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più sui cookie e su come controllarne l'abilitazione, accedi alla Cookie Policy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto