Indiscriminata Attack Four!
<DIR> RICHTER

  1. Label: BissoMultimedia
  2. Data: 20 luglio 2018
  3. Paese: Italia
Scarica

Indiscriminata Attack Four!

10 marzo 2018 di ZapoTek

Abbiamo già parlato di <DIR> RICHTER ed è superfluo aggiungere altro. Quello che farò oggi è andare ad ascoltarmi tutto l’album uscito nel Dicembre 2017.

Se avete la fortuna di beccare la copia fisica dell’album vi ritroverete in mano una audiocassetta.
No, non siete finiti di colpo nel 1987. È una vera e propria audiocassetta con un vero nastro magnetico al suo interno. E, cosa ancor più sorprendente, se la mettete in un mangiacassette, suona! Incredibile cosa può fare la tecnologia oggi.

Comunque, se non avete in casa un mangiacassette o un walkman sotto mano, l’album viene comodamente distribuito via Bandcamp, per cui non avete più scuse.

A parte il brano 3 del lato B (il numero 7 per voi che scaricate da internet), il resto delle tracce sono cover metal e punk giapponesi dove quella più recente risale al 1991. Di tutti i gruppi coverizzati ne conosco solo uno (gli X) e già mi ritengo abbastanza fortunato. Comunque, il fatto di avere a che fare con brani sconosciuti, per me è un’occasione per apprezzare la tecnica di chi coverizza e poi mi permette di scoprire roba nuova.

L’intro scelta per l’EP, Saints Alive degli Alkaloid, apre in pompa magna con una ballata, che ci culla prima di passare a 精神病質, dei Jurassic Jade, brano con un tocco gotico all’inizio che poi passa alla cassa veloce come i Metallica ai tempi di Kill’Em All. Il cantato dona alla canzone quell’atmosfera anni ’80 e devo dire che non è affatto male!
La terza traccia è Right Now degli X ed è un’esplosione di metal 8 bit. Mi dispiace un po’ che manchi il cantato, avrebbe dato un senso di continuità nel passaggio. Passiamo poi alla quarta traccia che chiude il lato A (ma a voi che scaricate da internet non chiude nulla, maledetti) della cassetta: Outro dei Rommel. È un brano lento che fa da giusto contraltare al brano iperveloce di prima.

Il lato B riparte a 3000 km/h con Despair dei The Piass. La voce qui si mescola alla perfezione al ritmo frenetico del brano e l’impressione è quella di un’ottima composizione lo-fi. Il pezzo dopo, Kill Yourself dei かまいたち, ha un piglio videogiocoso e l’assolo a metà brano mi fa venire in mente un livello blocchettoso ambientato in Egitto.
Ed eccoci a Wunderwaffen, l’unica traccia originale di <DIR> RICHTER.
C’è da dire che quando non fa cover, l’estro creativo esce fuori in tutta la sua bellezza. Il brano è una cavalcata impetuosa nelle lande gotiche che si fa parecchio apprezzare, nonostante i 2 minuti e 33 di lunghezza. Troppo pochi! Ne voglio di più!
Da come avete capito, questo è il brano che mi è piaciuto di più.
A chiudere il lato B c’è Johann Requiem Symphony di Izumi from Aion/Mein Kampf, un altro brano lento che va a concludere egregiamente l’album.

Nel suo insieme, Indiscriminata Attack Four! mi fa tornare indietro in Giappone nell’epoca dello speed metal anni ’80.
Ed è una cosa buona!

La natura autoprodotta dell’album, così come la scelta di rilasciare la copia fisica su audiocassetta, dà al tutto un gusto unico.
Personalmente avrei preferito sentire il cantato anche su Right Now, in modo da dare una continuità al lato.
Inoltre spero di ascoltare più brani originali da parte di <DIR> RICHTER, che a far le cover è molto bravo ma quando il brano è farina del suo sacco sento una maggiore attenzione alle sonorità ed una buona capacità compositiva.

Ma a parte questo, se siete amanti del metal e del punk giapponese anni ’80, questo album fa per voi!

Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Per saperne di più sui cookie e su come controllarne l'abilitazione, accedi alla Cookie Policy. Procedendo nella navigazione, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetto